Dopo Google, anche Intel e Qualcomm interrompono i rapporti con Huawei a data da destinarsi

Nella nottata (ora italiana) tra Domenica e Lunedì, negli Stati Uniti iniziava una nuova offensiva nei confronti di Huawei e del governo cinese. Dopo le prime notizie diffuse da Reuters secondo le quali Google/Alphabet non fornirà più hardware e servizi a Huawei, ora tocca ad altre società fare lo stesso.

Secondo quanto riportato da Bloomberg, anche società del calibro di Intel, Qualcomm e Xilinx avrebbero chiuso i rapporti fino a data da destinarsi, con Huawei. La motivazione sarebbe sempre quella legata alle scelte del governo di Trump che vede nella società tecnologica cinese un rischio per la sicurezza.

La vicenda è iniziata diversi mesi fa quando gli smartphone della società cinese (ora secondo produttore mondiale) sono stati caldamente sconsigliati a tutti dipendenti governativi statunitensi per motivi di sicurezza. Poco tempo dopo, gli stessi smartphone erano sostanzialmente introvabili sul mercato statunitense, sempre per questioni legate alla sicurezza.

I rapporti tra l’amministrazione Trump, Huawei e il governo cinese hanno avuto poi “alti e bassi” ma non sono più tornati a essere veramente pacifici. Nelle ultime ore però la tensione è aumentata ulteriormente con aziende del calibro di Intel, Qualcomm e Google che non potranno più fornire tecnologia di alcun tipo (hardware e software) alla società.

Si tratta di una mossa politica e commerciale molto pesante che potrebbe avere ripercussioni non solo sui mercati azionari. Huawei (e il governo cinese) potrebbero così dover necessariamente trattare con l’amministrazione Trump per evitare di perdere fornitori fondamentali per i propri prodotti.

Secondo alcune fonti, il produttore cinese avrebbe previsto già da metà 2018 una possibile ritorsione a questi livelli e avrebbe riempito i propri magazzini con componentistica utile per tre mesi di produzione. Non è chiaro però quale sarà l’effettivo impatto sulla roadmap e sulla distribuzione dei prodotti sul lungo periodo.