Google Fi, sta per arrivare in Europa l’operatore virtuale di Google

Project Fi è una rivoluzione e su questo non ci piove: lo è per vocazione e per ambizione, poiché rappresenta un tentativo di svecchiare completamente il mondo della connettività ripensandolo alla radice. Diventando operatore virtuale, Google si pone al di sopra di ogni rete e ogni contratto esistente e punta a costruire un nuovo modo di intendere le connessioni mobile. Tutto questo potrebbe molto presto divenire realtà anche in Europa visto che l’azienda di Mountain View ha realizzato richiesta all’autorità per le proprietà intellettuali europee per Google Fi.

La richiesta è giunta al tavolo della EUIPO (European Union Intellectual Propoerty Office) durante lo scorso 10 dicembre lasciando intendere una possibile entrata sul mercato europeo dell’operatore virtuale di Google che in america sta collezionando buoni risultati.

Google Fi: come funziona?

Per chi non lo conoscesse o non lo avesse mai sentito, Google Fi, noto fino a poco tempo fa con Project Fi altro non è se non l’operatore virtuale creato a Mountain View capace di porre in secondo piano colossi come AT&T ma anche T-Mobile e Sprint. La particolarità di Google Fi sta nella possibilità di offrire connessione gratuitamente ad oltre 2 milioni di hotspot Wi-Fi in giro per gli Stati Uniti a cui gli utenti possono agganciarsi.

Project Fi è un tentativo di cambiare modo di pensare alle attuali proposte degli operatori mobile. Ecco che l’azienda di Mountain View invierà una SIM a casa dell’utente, ma quest’ultima servirà esclusivamente per funzionare via WiFi attraverso cui far passare chiamate, navigazione e ogni altra comunicazione in entrata e in uscita dallo smartphone.

Ciò che rende meno appetibile l’offerta di Google Fi è il prezzo. In questo caso le tariffe non sono proprio convenienti visto che si parla di 20 dollari al mese per avere chiamate e messaggi a cui aggiungere poi 10 dollari a gigabyte di traffico fino a 6GB e poi 60 dollari fino a 20 e passa GB di traffico. Prezzi davvero poco competitivi in Italia in questo momento ma è chiaro che Google potrebbe puntare in Europa per la nuova filosofia di utilizzo della rete andando poi a studiare scenari di offerte mirati.