Samsung, in ritardo con Galaxy F?

Lo smartphone pieghevole di Samsung continua a far parlare di sé ormai da mesi. Dopo una prima dimostrazione, a novembre, dell’esistenza di Galaxy F (questo il probabile nome) avvenuta a luci basse per non mostrare i dettagli, ci si aspettava una presentazione durante il CES di Las Vegas. Così non è stato. Tuttavia, alcuni dettagli potrebbero essere stati svelati ieri durante una riunione segreta – e per pochi – con i dirigenti del settore smartphone proprio nella città americana.

A rivelarlo e a fornirci un rapporto dell’incontro ci ha pensato la testata coreana The Investor. Il motivo per il quale il colosso sudcoreano non ha mostrato al mondo la sua creazione è perché lo smartphone pieghevole è ancora in fase di sviluppo e presenta dei difetti. Nello specifico, Galaxy F non mostra nessuna piega quando è aperto a differenza di quando è piegato, e sembra che la completa piegatura possa portare addirittura alla rottura.

La fonte fa sapere che “per questo motivo Samsung sta testando il dispositivo in modo che i lati rimangano leggermente sollevati una volta piegati”. Il produttore di Seul, infatti, ha progettato Galaxy F in modo che non ci siano pieghe visibili. La presentazione, dunque, potrebbe essere stata rimandata proprio perché lo smartphone pieghevole non è ancora perfetto.

Ricordiamo che Galaxy F dovrebbe arrivare entro la prima metà dell’anno e che per il 2019 sarà prodotto in quantità limitata – solo un milione di unità – a causa della particolarità del dispositivo e del costo elevato che dovrebbe aggirarsi intorno ai 1500 euro. Dopo la vana speranza che potesse essere presentato in questi giorni, speriamo di ottenere maggiori dettagli a febbraio in occasione del Mobile World Congress di Barcellona.