Apple utilizzerà i processori ARM al posto di Intel per la propria linea di produzione di Mac. Secondo Bloomberg, la notizia sarà resa pubblica durante il prossimo WWDC, evento di Apple dedicato agli sviluppatori, in programma dal 22 giugno.

Una nuova era

Ci apprestiamo a vivere una nuova era per l’azienda di Cupertino, che sembrerebbe intenzionata ad abbandonare Intel in favore dei processori con architettura ARM, di propria produzione. Notizia che potrebbe essere epocale, quanto quella di inizio secolo, quando intorno al 2005 Apple sorprese il mondo dando una svolta alla propria storia e abbracciando proprio i processori di casa Intel, la stessa casa che ora si appresta ad abbandonare.

Apple è intenzionata a percorrere la stessa strada intrapresa con iPhone e iPad, i propri dispositivi mobile che ormai da anni ottengono ottimi risultati con i chip delle serie A. Con questa serie di processori si sono raggiunte prestazioni di rilievo, ed Apple vorrebbe ripercorrere la stessa strada con i propri MacBook, al fine di poter controllare più da vicino l’evoluzione dei processori, adattandoli alle esigenze di produzione e controllandone la velocità di sviluppo.

Apple e processori ARM

Bloomberg ha riferito negli ultimi tempi sulla notizia che Apple stia preparando un processore ARM a 12 core, con architettura a 5 nanometri. Questa notizia si affiancherebbe a quella rilasciata dall’account anonimo di Twitter @LOvetodream, che in passato ha riferito che l’azienda di Cupertino sia in procinto di rilasciare una versione aggiornata del MacBook da 12 pollici entro il 2021, con a bordo proprio un processore con architettura ARM.

Le ragioni del possibile cambio

Apple ha sempre avuto attenzione alla progettazione dei propri prodotti, ed il cambio che si sta apprestando a fare sembra volgere nelle stessa direzione. Stando al trend dell’ultimo anno, sopratutto nel settore delle CPU desktop, Intel non garantirebbe la giusta velocità di evoluzione e l’efficienza in termini di prestazioni e consumo energetico che Apple richiede per i propri nuovi dispositivi. Considerando quanto fatto in casa da Apple con i propri SoC, verrebbe garantita una maggiore capacità computazionale (non dimenticando l’ambito intelligenza artificiale) e rilevanti miglioramenti nella CPU.

Apple rilascerà la notizia durante il WWDC

La Worldwide Developers Conference è ormai da anni l’evento dedicato agli sviluppatori di casa Cupertino. Quest’anno, per la prima volta, si svolgerà in formato completamente virtuale a partire dal 22 giugno. E proprio il 22 giugno potrebbe essere il momento idoneo poiché solitamente è il giorno dedicato agli annunci in ambito Consumer, ideale per l’eventuale dichiarazione.

TechTips consiglia: nell’attesa che Apple intraprenda la svolta epocale abbandonando Intel, potresti voler considerare l’acquisto di un iPad Pro 2020, che monta il chip A12Z Bionic di casa Cupertino.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui