Lo sviluppo della tecnologia mini-LED da parte di Apple non è stata intaccata particolarmente dalla pandemia di Covid-19 a livello mondiale, ma potrebbe ritardarne l’adozione nei suoi dispositivi a detta del noto analista di Apple Ming-Chi Kuo.

Mini-LED pattern

Apple starebbe pianificando da 4 a 6 nuovi prodotti in un arco di tempo variabile da 3 a 4 anni, con la tecnologia mini-LED implementata; tra questi dispositivi figurano un iPad Pro di fascia alta da 12.9 pollici con un processore A14X e un rivisitato MacBook Pro da 16 pollici che includerà appunto il nuovo display e di cui si vocifera un rilascio per Ottobre – Novembre 2020.

Una nota di Apple lascia però presagire un leggero ritardo nel ciclo produttivo dei dispositivi che monteranno questi nuovi display, insieme ad un rumor che riguarda l’implementazione di questa tecnologia nel nuovo ipotetico MacBook Pro da 14 pollici,di cui si sa ancora poco.

Architettura e caratteristiche dei display mini-LED

I futuri display mini-LED utilizzeranno approssimativamente 10,000 LED, con una dimensione inferiore ai 200 micron per ogni LED. Il loro impiego permetterà la realizzazione di prodotti più sottili e leggeri, oltre a mantenere gli stessi benefici dell’OLED; ovvero un’ampia gamma cromatica, un risparmio sul consumo energetico e neri molto più profondi rispetto alle controparti LCD tradizionali.

L’analista Kuo ipotizza un aumento da parte di Apple nella vendita di dispositivi mini-LED del 300% e 225% rispettivamente tra il 2021 e 2022. La strategia di Apple è quella di forzare nel mercato l’introduzione di questa nuova tecnologia, in modo che gli sviluppatori sappiano sfruttarla a dovere con applicazioni apposite.

TechTips consiglia: in attesa dei prodotti con display mini-LED, l’ampia gamma cromatica e i neri assoluti del display OLED di iPhone 11 Pro Max potrebbero essere esattamente ciò che cerchi.