Windows

Windows 10X eseguirà aggiornamenti meno invasivi

Il nuovo sistema operativo di Microsoft, che implementerà l’ottimizzazione per dispositivi pieghevoli e dual-screen, rivoluzionerà anche il modo in cui verranno eseguiti gli aggiornamenti di sistema, che attualmente sono molto invasivi, e in alcuni casi, molto problematici.

È stata Microsoft stessa, al 365 Developer day, ad annunciare tale rivoluzione nel metodo di aggiornare il sistema operativo. Infatti, a differenza di Windows 10, il nuovo sistema del colosso di Redmond sarà strutturato in modo completamente diverso.

Windows 10X

Il nuovo sistema operativo sarà diviso in più parti separando così gli elementi dell’ OS come drivers e software. I programmi Win32 invece, non dovrebbero più apportare modifiche ai file di sistema, riducendo ulteriormente i tempi di aggiornamento.

Gli aggiornamenti, a differenza di quelli attuali, dopo il download dai server verranno spostati in una partizione del disco in attesa di un riavvio del dispositivo.

Dopo il riavvio, il sistema operativo sposterà solo le informazioni necessarie nella partizione e verranno successivamente attivate; processo che dovrebbe completarsi in circa 90 secondi, a detta di Microsoft.

Come mai Windows 10X si aggiorna così velocemente?

È tutto merito della struttura di Windows 10X, che si basa sul progetto Windows Core OS, in progettazione da 4 anni. Quest’ultimo è un tentativo di sviluppo di un sistema operativo modulare e molto leggero, in cui una parte di codice rimane fissa, mentre le altre parti vengono aggiunte, eseguite e aggiornate in base al dispositivo che lo ospita.

Questo è il motivo per la quale Microsoft afferma una diminuzione dei tempi di aggiornamento: anziché scaricare e installare parti di sistema operativo che vengono soprascritte, verranno aggiunti solamente solo i file effettivamente cambiati. È quindi tutto merito di un’esecuzione più mirata degli aggiornamenti, che diventeranno più rapidi e precisi.

Keliweb
Back to top button
Close